Il campanile che esce dal lago

Ieri pomeriggio, fra una lettura e l’altra, mi sono concesso alcuni minuti di svago. Mio padre guardava la tv, appuntamento imperdibile con la trasmissione Easy Driver su RaiUno. Per chi non la conoscesse è una trasmissione riguardante i motori: i due conduttori presentano ciascuno una vettura su strada. Chiaramente per dare credibilità al programma, nella maggior parte delle volte la presentazione non viene fatta su pista, bensì su itinerari prestabiliti. Ecco dunque che Easy Driver diventa occasione per conoscere, oltre che nuove autovetture, anche paesaggi davvero incantevoli e alle volte poco conosciuti, nonchè scenari davvero caratteristici e particolari.
E’ il caso del Lago di Resia contenente, si fa per dire, il “Campanile che esce dal lago”.

Leggi tutto “Il campanile che esce dal lago”

Stelle di natale: ecco come conservarle

Il Natale si avvicina e come ogni anno capiterà di ricevere in dono o acquistare almeno una Stella di Natale, pianta che con il suo classico colore rosso ci accompagna, insieme al verde dell’albero di Natale, da sempre durante le feste natalizie. Pochi sanno, però, come si conserva una Stella di Natale. Per mantenerla in buono stato di salute, è opportuno posizionare la pianta in ambienti ben riscaldati, con temperature non inferiori ai 14 gradi e luminosi. La Stella di Natale, infatti, non teme la luce del sole diretta nel periodo invernale e soprattutto va innaffiata poco, solo quando il terreno è completamente asciutto.

Molti non sanno che i veri fiori della stella di Natale, pianta originaria del Messico, sono quelli di colore giallo all’interno, mentre le parti di colore rosso non sono altro che foglie che assumono tale colorazione in particolari periodi dell’anno. Solitamente sono rosse, ma possono essere anche rosa o bianche e tendono a cadere dopo le feste. Anche se le foglie cadono, la pianta in effetti è ancora viva. Nel momento in cui le foglie iniziano a cadere è importante mantenerla all’ombra, lontana da luoghi dove possa ricevere luce da una qualsiasi sorgente (sole o una qualsiasi fonte luinosa artificiale – un pò come si fa in Quaresima per il grano). Le Stelle di Natale sono infatti piante “brevidiurne”, cioè che fioriscono in conseguenza di un adeguato periodo trascorso con un basso numero di ore di luce.

Durante il periodo primaverile sarà opportuno effettuare una potatura abbastanza vigorosa e portare la pianta all’aperto per poi riporla nelle case verso ottobre/novembre in un ambiente poco luminoso (8 ore max di luce al giorno) al fine di facilitare la crescita di nuove foglie (che assumeranno il caratteristico colore rosso) e di nuovi rami. Accanto a questi accorgimenti, se ne aggiunge un ultimo: la concimazione (potete farvi aiutare dal vostro fioraio di fiducia). Adottando questi stratagemmi l’anno seguente si potrà avere ancora una Stella di Natale piena di fiori e foglie rosse senza doverne acquistare una nuova.

Hosting Condiviso: scopri i tuoi vicini con IPlocals

La soluzione più economica per aprire un sito internet con un proprio nome a dominio, senza sfruttare servizi gratuiti come Netsons, Altervista etc. è sicuramente quella di scegliere un fornitore di hosting condiviso. Tali fornitori piazzano su uno stesso server (non dedicato) una molteplicità di domini con i relativi spazi. Come possiamo scoprire chi condivide con noi lo stesso server? Semplice, con IPlocals!

Leggi tutto “Hosting Condiviso: scopri i tuoi vicini con IPlocals”